Claudio Magris riesce, spesso, a cogliere il problema.

In questo caso il problema è il seguente: l'amministrazione Bush ha invaso l'Iraq convinta di poter esportare la democrazia come si esporta la cocacola. Oggi, meno di due anni dopo l'invasione, Edward Luttwak (noto politologo filo-Bush) dichiara che, per instaurare la democrazia in Iraq, ci vorranno 200 anni.

Magris si chiede: com'è possibile che le previsioni e le strategie della Superpotenza fossero così ingenue?

l'articolo di Magris.