Il Buddha paragonò la fede a un gigante cieco di nome Fede che s'imbatte in un piccolo storpio dalla vista acutissima il cui nome è Saggezza. Il gigante, che non ci vede dice allo storpio che ci vede: «Io sono molto forte, ma non ci vedo; tu sei molto debole, ma hai occhi per vedere. Vieni sulle mie spalle e guidami: insieme andremo lontano». Il Buddha non sostenne mai la fede cieca, ma l'equilibrio fra il cuore e la mente, fra la fede e la saggezza. Le due insieme andranno lontano. Il detto che la fede cieca può spostare le montagne purtroppo non tiene conto del fatto che, essendo cieca, la fede non sa quale montagna spostare.

Grazie a http://perle.risveglio.net/.