la laurea di Rachele, originally uploaded by Stefano Bussolon.

Giovedì ero a Padova. Si è laureata Rachele Scottini, che avevo seguito come correlatore. Il mio compito era di stare in commissione giusto il tempo della sua discussione, ma già che ero lì mi sono seguito tutte e dieci le discussioni in programma.
Per un docente che partecipa a decine di commissioni di laurea all'anno diventa semplicemente una seccatura. Ma per me, a cui capita raramente, è interessante. Il livello medio dei laureandi era molto alto: su 10 persone, 8 hanno portato a casa un 110, e tre o quattro pure la lode. E dunque nel seguire le discussioni ho imparato qualcosa. Un laureando, ad esempio, ha descritto la tecnica di laddering, che conoscevo solo per sentito dire.
L'aspetto più interessante, però, era di osservare l'espressione dei candidati al momento della proclamazione. La laurea è uno dei momenti importanti della vita di una persona, e l'istante della proclamazione è l'attimo in cui i cinque anni di lavoro si concretizzano in un titolo ed un voto, magari una lode. Era estremamente interessante osservare l'espressione del viso degli studenti. La discussione era finita, la sensazione era che non fosse andata poi così male. Il presidente che inizia a leggere ... "in nome del rettore e del preside che qui rappresento ....". L'espressione del candidato, la gioia misurata, negli occhi, nel sorriso. Le strette di mano. Gli applausi di amici e parenti. E, appena usciti dall'aula, il coro ... "Dottore, dottore, dottore del buso ...."