Proviamo a confrontare due siti internet. Il primo è www.barackobama.com

Il secondo è www.partitodemocratico.it

La quantità

Il sito di Obama non è scarno, ma nemmeno affollato. Il menu in alto, una grande immagine positiva di Obama e Biden. Obama Blog, Barack TV, my.BarackObama, Welcome Hillary supporters, Obama mobile, Obama everywhere (social networks), Obama store (con tazze e T-shirts). Il sito del PD, al contrario, è piuttosto affollato.

Il messaggio

Obama:

I'm asking you to believe.  Not just in my ability to bring about change in Washington ... I'm asking you to believe in yours.

Powered by Hope. And supporters like you

Il messaggio del PD:

"chieda scusa", riferito all'ennesima gaffe di Silvio.

Salva l'Italia

Clima, l'Italia resta sola

Tremonti immobile

Dunque: messaggi positivi da una parte (MacCain non è mai nominato), messaggi negativi dall'altra.

Il programma

Obama: Issues. Economy, Education, Energy & Environment, Ethics, Foreign Policy, Health Care, Homeland Security, Iraq, Seniors & Social Security, Taxes. Per ogni voce 30, 40 parole sul suo programma, 30, 40 sul programma  di MacCain, e un Read more per approfondire. 2300 parole.

PD. Il link a "programma" porta ad una pagina di 2000 parole, che non è il programma ma la presentazione del programma. il testo integrale, 15.000 parole. Illeggibile.

People

La pagina People di Obama è geniale. Corrisponde al "chi sei". Asian Americans, African Americans, Women, Republicans for Obama, Americans Abroad, ... andatela a vedere. Nulla di tutto questo nel sito del PD.

States

Nel sito di Obama la mappa in flash non mi funziona, almeno con Firefox per Linux. Dal menu c'è la possibilità di selezionare uno dei 52 stati. Questa sezione del sito non mi entusiasma.

Nel sito del PD, la pagina Sedi Territoriali è una lista di numeri di telefono :(

Action

Come i due siti coinvolgono gli elettori? Direi che il la pagina del PD in questo caso non è male: Attivati. Quella di Obama è davvero esenziale: Action. Ma la vera arma segreta di Obama è stata  my.barackobama.com. Sull'importanza di questo strumento nella campagna di Obama vi rimando ad un ottimo articolo di Wired: Obama's Secret Weapons: Internet, Databases and Psychology.