immagine di copertina

La fotografia che ho scelto quest'anno, in occasione degli auguri per il solstizio d'inverno, è stata scattata nel 2010. L'ho scelta perché rappresenta il Baffelan carico di neve.
Il timore è che, negli anni a venire, tutta questa neve, su questi monti, potremo vederla soltanto in fotografia. È notizia di queste settimane che - secondo una ricerca divulgata dal CNR - Tra 25-30 anni il ghiacciaio della Marmolada non ci sarà più.

I cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici sono stati il tema del 2019. Non a caso Greta Thunberg è stata nominata TIME's Person of the Year 2019.
L'opinione pubblica appare divisa, ma la letteratura scientifica sull'argomento è piuttosto chiara.

Le evidenze

Il "Fifth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change" Stocker (2014) sostiene che:

Warming of the climate system is unequivocal, and since the 1950s, many of the observed changes are unprecedented over decades to millennia. The atmosphere and ocean have warmed, the amounts of snow and ice have diminished, sea level has risen, and the concentrations of greenhouse gases have increased

Each of the last three decades has been successively warmer at the Earth’s surface than any preceding decade since 1850 (see Figure SPM.1). In the Northern Hemisphere, 1983–2012 was likely the warmest 30-year period of the last 1400 years (medium confidence)

The atmospheric concentrations of carbon dioxide, methane, and nitrous oxide have increased to levels unprecedented in at least the last 800,000 years.

Il ruolo dell'attività umana

Human influence on the climate system is clear. This is evident from the increasing greenhouse gas concentrations in the atmosphere, positive radiative forcing, observed warming, and understanding of the climate system.

Il consenso scientifico

Il consenso scientifico sull'argomento è decisamente alto: secondo una rassegna di 4000 articoli sul cambiamento climatico Cook et. al. (2013) , 3896 (il 97%) sostiene che sia causato dall'attività umana (anthropogenic global warming), 40 (1%) si dichiarano incerti, e soltanto 78 (meno del 2%) sostengono la tesi contraria. Secondo Ripple et. al. (2017) è fondamentale agire immediatamente ed in maniera decisa.

Cosa possiamo fare

Non sono un esperto di clima, e dunque i miei suggerimenti sono tutt'altro che tecnici:

  • essere consapevoli che il problema esiste, e che non va sottovalutato
  • fare quello che possiamo affinché il tema rientri nell'agenda politica del nostro paese
  • modulare il nostro stile di vita, cercando di minimizzare la nostra impronta ecologica

Il Guardian ci da alcuni buoni consigli: How to reduce your carbon footprint #GlobalWarning | Environment | The Guardian

Consumi e benessere

Recentemente mi sono occupato del tema dell'etica nel design, partendo dal concetto aristotelico di eudaimonia. La psicologia del benessere oggi conferma quello che Aristotele sosteneva qualche tempo fa: il nostro benessere è legato solo marginalmente ai beni materiali. Sono i beni immateriali (relazioni, autonomia, competenza, autostima) e soprattutto ciò che facciamo e come lo facciamo che contribuiscono al nostro benessere. È la qualità delle attività in cui investiamo il nostro tempo a farci stare bene.

Il mio augurio per l'anno che nasce è di investire in quelle cose e in quelle attività che contribuiscono alla tua eudaimonia, evitando tutto ciò che consuma il nostro pianeta e non ci rende affatto felici.

Testi citati

Stocker, Thomas (2014). Climate change 2013: the physical science basis: Working Group I contribution to the Fifth assessment report of the Intergovernmental Panel on Climate Change;
Cook, John and Nuccitelli, Dana and Green, Sarah A and Richardson, Mark and Winkler, Barbel and Painting, Rob and Way, Robert and Jacobs, Peter and Skuce, Andrew (2013). Quantifying the consensus on anthropogenic global warming in the scientific literature; Environmental research letters
Ripple, William J and Wolf, Christopher and Newsome, Thomas M and Galetti, Mauro and Alamgir, Mohammed and Crist, Eileen and Mahmoud, Mahmoud I and Laurance, William F and 15,364 scientist signatories from 184 countries (2017). World scientists’ warning to humanity: a second notice; BioScience

Puoi annullare la tua sottoscrizione in qualsiasi momento attraverso il link in fondo alle mail.

Questa mailing list utilizza Mailchimp. Pertanto, iscrivendoti alla mailing list le tue informazioni saranno gestite da Mailchimp.Le regole di privacy di Mailchimp

Categorie

danza (18) | filosofia (19) | fotografie (22) | letteratura (11) | musica (25) | personale (44) | poesia (12) | politica (46) | psicologia (17) | ux (18) |

Tag

citazioni (23) | danza (14) | diritti (6) | emozioni (23) | filosofia (20) | fotografia (34) | internet (4) | italia (8) | letteratura (10) | londra (5) | musica (22) | natura (4) | nonviolenza (4) | personale (10) | poesia (20) | politica (37) | psicologia (25) | religione (5) | ricerca (7) | sardegna (4) | solstizio (12) | tango (19) | ux (15) | vallarsa (8) | viaggio (5) | video (16) |

Cookies

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti quali google analytics per funzionalità tecniche e statistiche.

Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili.