Londra: "business as usual"

Pubblicato da bussolon il 08 luglio 2005 in Personale Parole chiave: londra | emozioni |

Si racconta che Churchill, durante la seconda guerra mondiale, in uno dei suoi discorsi alla radio abbia citato l'aneddoto di un negozio che, sotto i bombardamenti tedeschi, teneva orgogliosamente aperti i battenti, con l'insegna "business as usual". Quello era l'esempio, per Churchill, del londinese che non si arrende.

La sensazione di "business as usual" è, nel bene e nel male, quella che si respira qui a Londra oggi.

Ieri pomeriggio il rientro a casa è stato più agevole del previsto: gli autobus funzionavano regolarmente. Ho fatto parte del viaggio con Simona, una mia amica dei tempi dell'università che non vedevo da secoli e che ho rivisto in questi giorni proprio a Londra. Tra l'altro Simona cura un blog, e la sua cronaca della giornata di ieri è la miglior cosa che possiate leggere on line:

Simona si è fermata a Brixton, e nel tragitto fra Brixton e Clapham ad un certo punto sul bus eravamo una dozzina, ed io ero l'unico bianco! :)

Mi ero attrezzato per rimanere a casa oggi, portandomi delle cose da leggere. Ma stamani alla tv ho appreso che la metropolitana ha ripreso a funzionare, e non ho resistito all'idea di venire in città.

Tornare sul "luogo del delitto" della "Tube" è forse il modo migliore per tastare il polso della situazione. Scendere la scala mobile fa un certo effetto, ma basta non pensarci troppo.
I treni sembrano in orario. Sali. La gente è tranquilla. Legge. Se qualcuno ieri fosse rimasto chiuso in casa senza tv e telefono probabilmente oggi non si accorgerebbe di nulla. Unico sintomo, i titoli dei tabloid che la gente sfoglia.

Non ho passeggiato per la città: all'uscita della metropolitana sono venuto in ufficio. la pausa pranzo a pochi metri da qui. e dunque non so come stia vivendo la città. Ma la sensazione è di tranquillità. Solo si sentono un sacco di elicotteri che sorvolano la zona.
Stasera farò un giro per il centro. Non escludo di andare a ballare il tango, mi sono attrezzato con le scarpe. "business as usual".

"business as usual" è una sensazione strana, per la nostra cultura italiana. Da una parte hai la sensazione di menefreghismo. Poi pensi che sicuramente ieri su rai 1 Vespa godeva di essere in prima serata e si rammaricava dell'assenza di immagini truci (ho indovinato?). E apprezzi la misura dell'informazione britannica.

"Non ci spaventate" è probabilmente la miglior risposta che la città potesse dare ai terroristi.

Mi ha fatto molto piacere ricevere le decine di mail e di sms che mi avete inviato. "Come stai?", "Tutto ok?", "Rispondi in fretta, sono preoccupata".

Ho ricevuto un messaggio anche da Michele, che in questo momento, x il suo PhD, è a Gerusalemme. Prima che partisse lo si prendeva in giro: "attento agli autobus". Oggi abbiamo scherzato, via mail, su "rischio reale e rischio percepito".

Non mi dilungherò su commenti sull'attentato. Da un punto di vista etico è semplicemente inqualificabile. dal punto di vista politico è la dimostrazione che "possiamo colpirvi quando vogliamo, anche durante il g8", che fare 2 guerre per combattere il terrorismo è una boiata pazzesca. Dal punto di vista della "loro" strategia politica, è difficile immaginare che Londra (o New York, o Madrid) possa essere "nemica dell'islam", visto il senso di libertà che si respira da queste parti. Londra è solo, implicitamente, "nemica dell'integralismo", e forse è proprio questo senso di libertà che i terroristi combattono.

A proposito: la citazione di Emma Goldman (grazie, Maddalena, per avermela segnalata) "If I can't dance, it's not my revolution" è, ora più di prima, un manifesto politico: gli integralisti (islamici, cristianici, marxianici che siano) vedono la danza come qualcosa di peccaminoso, diabolico e da proibire. Se non posso essere libero (anche di ballare) non è il mondo che voglio

Iscriviti alla newsletter

UX Tuesday è una newsletter bimensile: ogni due martedì - a partire da martedì 8 gennaio 2019 - verrà pubblicato un articolo di ux, architettura dell'informazione, usabilità.

I prossimi articoli:

  • la cognitive information architecture
  • tu non sei il tuo utente
  • le interfacce sono linguaggi
  • ux e cognizione distribuita
  • la actor network analysis
  • activity is the new experience

*sono i campi obbligatori

Puoi annullare la tua sottoscrizione in qualsiasi momento attraverso il link in fondo alle mail.

Questa mailing list utilizza Mailchimp. Pertanto, iscrivendoti alla mailing list le tue informazioni saranno gestite da Mailchimp.Le regole di privacy di Mailchimp

Categorie

danza (18) | filosofia (19) | fotografie (22) | letteratura (11) | musica (25) | personale (43) | poesia (12) | politica (46) | psicologia (17) | ux (18) |

Tag

citazioni (23) | danza (14) | diritti (6) | emozioni (23) | filosofia (20) | fotografia (33) | internet (4) | italia (8) | letteratura (10) | londra (5) | musica (22) | natura (4) | nonviolenza (4) | personale (10) | poesia (20) | politica (37) | psicologia (25) | religione (5) | ricerca (7) | sardegna (4) | solstizio (11) | tango (19) | ux (15) | vallarsa (8) | viaggio (5) | video (16) |