immagine di copertina

Il campanile di Parrocchia fra la nebbia

Ho scelto quest'immagine, per augurarvi buon solstizio, per tre motivi.
La prima, quasi scontata: mi piace. Il campanile di Parrocchia che appare, quasi surreale, fra i monti, la neve, la nebbia.

La seconda: dalla mia camera sento, in lontananza, il rintocco delle sue campane. Mi piace l'idea del tempo che scorre al loro ritmo, mi piace pensare che, come suggerisce Thích Nhất Hạnh, ascoltare le campane sia una forma di meditazione.

La terza: il campanile è sopravvissuto, sostanzialmente indenne, ai bombardamenti della prima guerra mondiale, diventando un simbolo di resilienza alla più tragica delle avversità.

Il mio augurio per l'anno che sta per cominciare è dunque quello di costruire dei campanili di resilienza, e di ascoltarne, quotidianamente, i rintocchi.

Buon 2018

Il campanile fra le macerie, alla fine della prima guerra mondiale

Foto tratta da Trentino Cultura

Puoi annullare la tua sottoscrizione in qualsiasi momento attraverso il link in fondo alle mail.

Questa mailing list utilizza Mailchimp. Pertanto, iscrivendoti alla mailing list le tue informazioni saranno gestite da Mailchimp.Le regole di privacy di Mailchimp

Categorie

danza (18) | filosofia (19) | fotografie (22) | letteratura (11) | musica (25) | personale (44) | poesia (12) | politica (46) | psicologia (17) | ux (18) |

Tag

citazioni (23) | danza (14) | diritti (6) | emozioni (23) | filosofia (20) | fotografia (34) | internet (4) | italia (8) | letteratura (10) | londra (5) | musica (22) | natura (4) | nonviolenza (4) | personale (10) | poesia (20) | politica (37) | psicologia (25) | religione (5) | ricerca (7) | sardegna (4) | solstizio (12) | tango (19) | ux (15) | vallarsa (8) | viaggio (5) | video (16) |

Cookies

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti quali google analytics per funzionalità tecniche e statistiche.

Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili.